Cookie Policy Interview with Scott Langley Sensei, founder member of HDKI - KarateDo Magazine
728 x 90

Interview with Scott Langley Sensei, founder member of HDKI

Interview with Scott Langley Sensei, founder member of HDKI

I teach karate, I am not a coach that correct the single athlete, I invest my time in my students.

(Versione italiana in calce)

By Angela Gasperini, Sensei HDKI Crawley dojo 

The Karate Master was born in Liverpool, he has two degrees in geography and  in anthropology.
His main job, now, is  Karate Teacher and he is a  founder of the Hombu Dojo Karate International Federation, the headquarters where he teaches is in  Dublin, Ireland. He wrote two  books “Karate stupid “ and “Karate clever” available on Amazon. 

Sensei, how did start your love for Karate?
My love for Martial arts started when I was a child.
When I was five years old I started to practice Jujitsu in Liverpool, England.
I left my hometown when I was ten years old and I move to Ireland with all my family, in Dublin I started to practice Karate and I never stopped, I am still practicing.
Karate is part of my childhood, the first time that I walked into a dojo I realised that it was the way to follow in my life.

At the Olympic games they make Katas more spectacular, but it’s a show. It’s the Olympic games. — Sensei Scott Langley

Which Senseis are the most important in your karate journey and what do you remember from their teaching?
The most important teachers in my journey are: Arnold Wilson, very good teaching, my first Sensei. Kato Sensei, Master for England and UK, an amazing teacher, technical excellent, spectacular lessons. Kagawa Sensei,  great technique, from him I learned the mobility in movement.
Asai Sensei, I learned the ability to be more open minded about Karate and   Steve Ubl, from California, for body mechanic.
Paolo Bolaffio Sensei, wonderful understanding about body connection (I have been to Italy for a seminar at the beginning of October 2021).

Did you take a part to any competition?
In the 1996 I won the JKA, championship Kata. I have been European Champion Kumite and Kata for many years and World Champion.
I never like competitions, I did because I have to, I didn’t have choice. I prefer to teach karate that’s how make leaving.
I enjoy create good lessons and give to others the knowledge to practice Karate.

Which one is your opinion about “Olympic karate” and “Traditional karate”?
Between Olympic and traditional karate I can’t see a big difference. In the Olympic, katas are different than those from the Okinawa Senseis, but it’s a superficial difference. One is Olympic karate, the other one is the Karate from Japanese Senseis, but it’s always karate. Good karate is good karate. At the Olympic games katas are more spectacular, but the Olympics are a show, and the spectators must like it and I don’t think that they know that there is difference between Olympic and traditional Karate.

Did you practice others martial art styles?
Every year, I travel to Japan for training and I get the opportunity to try different kind of karate and different styles, but they all have something in common, as in the martial art in general. 

I teach thematically the connection between Kata, Khion and Kumite.— Sensei Scott Langley

Which are your memories about your black belt exam?
When I have done my exam supposed to wait 6 months between brown and black belt, but my Sensei after 3 months let me do a black belt exam, he said that I was ready.
The exam was during the weekend: first day training, second day training and exam. I did mine for black belt and another girl for brown belt, that was very easy! I did Bassai dai, Ippon Kumite, mae geri jodan and chudan sides… and that’s how I become black belt.

Why did you become a teacher? Which kind of teacher do you think you are?
I always remember my first lesson as Sensei: I received £ 5 note and I still have it in a frame in my mum’s house.
I teach karate, I am not a coach that correct the single Athlete, I invest my time in my students and I focus on giving information for practicing karate, with two essential component technical, how to do it, physical, how to move the body in order to do it.
A coach tries to improve the performance, my information as a teacher lasts for life. I teach thematically the connection between Kata, Khion and Kumite. 

How do you motivate and stimulate the youngest for practicing karate?
At the moment I teach only adults mainly, I travel often in the weekends for seminars.
When I was teaching Junior I always make sure that they have fun, try to create a kind of competition between them, for example, who can kick higher, trying to motivate them and help them to produce results. 

What is karate for you?
Karate has been,  always, part of my life, I don’t think that I can imagine a day without training in my life.

Which one is your role in your federation?
I am the founder member of Hombu Dojo Karate International (HDKI) and Chief Technical Director of the group. The federation is recognised worldwide  and in Japan.
Tradition, innovation, respect and collaboration are the fundamental of our community. 

I would like to see a Karate where everyone work together for the benefit of the karate community.— Sensei Scott Langley

What do you wish for the future of Karate, what would you like to see again and what you wouldn’t like to see?
Karate journey should be an internal journey to make you the best version of yourself and great community spirit.
When one organisation hit another organisation or a Dojo hit another Dojo you can’t expect than the conclusion of the relationship. This is very sad thing that deletes the sense of community. If people on top of the organisation don’t have that sense of organisation and community then nobody will. I would like to see a Karate where everyone work together for the benefit of the karate community. 

What are your future projects?
Carry on with my internal journey, keep teaching Karate and push on with the sense of community and collaboration.

 


 

Intervista a Scott Langley Sensei, capo fondatore della HDKI

Io insegno Karate, non sono un allenatore/coach che si concentra sull’individuo come atleta, io investo il mio tempo sugli studenti.

Il Maestro di karate Scott Langley è nato a Liverpool (GB), ha una laurea in Geografia e una in Antropologia, e fu un eccellente studente universistario.
Ora la sua professione principale è quella di Maestro di karate ed è capo e fondatore della Federazione Hombu Dojo Karate International (HDKI).
Il quartier generale, il dojo principale della federazione HDKI dove insegna, si trova a Dublino, in Irlanda.
Ha scritto due libri autobiografici “Karate stupid “ e “Karate clever” disponibili su Amazon in lingua Inglese.

Maestro, com’è nata la sua passione per il karate?
La mia passione per le arti marziali in generale è nata quando ero bambino. All’età di cinque anni ho inziato a praticare Jujitsu a Liverpool, in Inghilterra.
Ho lasciato la mia città natale all’età di dieci anni per trasferirmi con la mia famiglia in Irlanda, dove ho iniziato a praticare Karate e da allora non ho più smesso. Il Karate è anche parte della mia infanzia, la prima volta che entrai in un dojo di Karate capii che quella era la mia strada.

Ai giochi olimpici i kata sono molto più spettacolari, ma alla fine le Olimpiadi sono uno show.— Sensei Scott Langley

Quali maestri ritiene siano state importanti nella sua formazione di karateka e che cosa ricorda del loro insegnamento?
Gli insegnanti principali che hanno contribuito nella mia formazione da karateka e Maestro sono stati: Arnold Wilson, un insegnante molto bravo, il mio primo Maestro. Kato Sensei, Master per Inghilterra e Regno Unito, un insegnante incredibile, ottima tecnica e le sue lezioni erano spettacolari.
Kagawa Sensei, tecnicamente eccellente, da lui ho imparato la mobilià nei movimenti.
Asai Sensei, dal quale ho appreso l’abilità di avere una mente aperta per il Karate e Steve Ubl, della California, per la “meccanica” del corpo.
Il M° Paolo Bolaffio è stato un meraviglioso esempio per quanto riguarda la connessione col corpo (sono stato in Italia per un seminario agli inizi di ottobre 2021).

Ha praticato karate a livello agonistico?
Nel 1996 sono stato campione JKA, championship Kata. Campione europeo in Kumite e Kata per diversi anni e ho anche conquistato un Campionato del Mondo.
Però, non sono mai stato interessato a fare gare a livello agonistico, ma al tempo dovetti farlo, non avevo altra scelta. Preferisco insegnare, infatti, questo è il mio lavoro: insegnare Karate, mi piace creare buone lezioni e trasmettere  ad altri la conoscenza del Karate.

Qual è la sua opinione su karate olimpico e “karate tradizionale”?
Per me tra tradizionale e sportivo non vedo una grossa differenza. Nel Karate sportivo, olimpico, i kata sono diversi dallo stile dei grandi Maestri di Okinawa, ma alla fine la differenza è superficiale. Uno è karate olimpico, l’altro è karate dei Maestri giapponesi, ma è sempre Karate. Il buon Karate è buon karate.
Ai giochi olimpici i kata sono molto più spettacolari, ma alla fine le Olimpiadi  sono uno show, fatto anche per piacere al pubblico. In fondo gli spettatori non credo sappiano di questa differenza fra Karate sportivo e tradizionale.

Nella sua formazione personale vi sono altre esperienze “marziali” oltre il karate?
Ogni anno vado in Giappone ad allenarmi e così provo diversi tipi di Karate e stili, ma tutti hanno delle linee comuni molto simili, com’è poi per le arti marziali in generale.

Io insegno per argomenti, la connessione fra Kata, Khion e Kumite.— Sensei Scott Langley

Quali ricordi ha di quando è diventato una cintura nera?
Ai miei tempi bisognava aspettare sei mesi tra cintura marrone e nera, ma il mio Maestro mi fece fare l’esame dopo tre mesi, lui disse che ero pronto.
L’esame si fece durante il fine settimana: il primo giorno facemmo  allenamento, il secondo allenamento ed esame. Io lo feci per la cintura nera, assieme a una ragazza, per la marrone, fu facilissimo! L’esame consisteva nell’esecuzione del Bassai dai, poi ippon kumite, mae geri jodan e chudan laterale… così presi la cintura nera.

Che cosa l’ha spinta a percorrere anche la strada dell’insegnamento? Come si considera come insegnante?
Ricordo sempre la mia prima lezione da Sensei: ricevetti 5 sterline… quella banconota è incorniciata e ce l’ho ancora a casa di mia madre.
Io insegno Karate, non sono un allenatore/coach che si concentra sull’individuo come atleta, io investo il mio tempo sugli studenti e focalizzo il mio insegnamento dando le informazioni necessarie per praticare il karate, con due parti essenziali, l’approccio tecnico, come fare, e l’approccio fisico, come muovere il corpo per produrre quel movimento.
Il coach cerca di perfezionarti, ma i miei insegnamenti ti resteranno per tutta la vita. Io insegno per argomenti, la connessione fra Kata, Khion e Kumite.

Come riesce a motivare e a stimolare i giovani nella pratica del karate?
Ora insegno maggiormente agli adulti, sono spesso in vaggio nei fine settimana  per insegnare Karate in diversi seminari.
Quando si insegna ai giovani, soprattutto i giovanissimi, bisogna anche farli divertire, creare una certa competizione fra loro, per chi riesce, ad esempio, a tirare l calcio piu alto. Bisogna cercare di motivarli, per aiutarli a produrre risultati.

Cos’è il karate per Lei?
Il karate è parte della mia vita da sempre, non credo di poter immaginare un giorno della mia vita senza allenarmi.

Qual è il suo incarico all’interno della sua federazione?
Sono capo fondatore della HDKI, Hombu Dojo Karate International, riconosciuta a livello mondiale e soprattutto in Giappone.
Tradizione – Innovazione – Rispetto – Collaborazione, questi sono i capisaldi della federazione.

Vorrei vedere un karate collaborativo, dove tutti lavorano per il bene della comunità del karate.— Sensei Scott Langley

Cosa auspica per il futuro del karate, cosa le piacerebbe “vedere o non vedere” più?
Il percorso personale del karate dovrebbe essere un viaggio interiore per renderti la versione migliore di te stesso e avere un buon senso di associazione.
Non vorrei piu vedere Federazioni o Dojo che cercano di danneggiarsi a vicenda sapendo che ciò porterà alla rottura e alla conclusione delle relazioni. Questa è una cosa molto triste che cancella quel buon senso di associazione.
A volte è solo colpa dei “vertici”, se la cima non lavora bene tutti ne risentiranno, fino alla rottura.
Vorrei vedere un karate collaborativo, dove tutti lavorano per il bene della comunità del karate.

Quali sono i suoi progetti futuri?
Di proseguire il mio viaggio interiore e di insegnare il karate, continuando a professare il buon senso di comunità e di collaborazione

Ti potrebbe interessare anche:

Articoli recenti

I più letti

Top Autori