728 x 90

Kamikaze Sommercamp, 26-29 luglio 2018

A Neuhofen oltre 600 atleti da 20 nazioni hanno partecipato alla 10ª Edizione del KamikazeSommercamp.

Di Carlotta Prete

Neuhofen è una cittadina di 6.000 abitanti situata nel cuore dell’Austria, immersa nel verde e molto tranquilla… a meno che non vi si capiti nella settimana del Kamikaze Sommercamp!
In tal caso è abbastanza facile venire travolti da un turbinio di karateka (oltre 600 quest’anno) che invadono a flotte ogni angolo del paese, colorando con cinture e guantini le sponde del fiume Krems e provocando una sorta di “bio-inquinamento acustico” a furia di Kiai!
Dal 26 al 29 luglio scorso, si è infatti svolto questo Seminario Internazionale (il cui nome ricorda il brand che lo sponsorizza), giunto nel 2018 alla sua decima edizione e ormai promosso come l’evento sportivo legato al Karate più seguito in tutta l’Austria.

Un’organizzazione impeccabile da parte del club ospitante e un parterre di Maestri dai curricula luccicanti.

Complici un’organizzazione impeccabile da parte del club ospitante e un parterre di Maestri dai curricula luccicanti, il Kamikaze Sommercamp ha attratto i praticanti di “karate tradizionale e discipline affini” (definizione per molti di noi più che familiare) provenienti da ben 20 diverse nazioni.
La location, che inizialmente potrebbe sembrare piccina e un po’ naif, offre inaspettatamente un centro sportivo che vanta di tre palestre, una pista di atletica, un campo da calcio, una piscina (con termal bad!), un teatro e per l’occasione anche un’imponente cucina da campo con annessa area di ristoro degna di un hangar. La manifestazione si svolge dal giovedì alla domenica dell’ultimo week end di luglio, ma già all’inizio della settimana, i prati che circondano Neuhofen si trasformano in camping attrezzati per accogliere praticanti giunti da ogni dove. 

Ad attenderli in questa edizione ben 14 Maestri tra i massimi esponenti del Karate a livello europeo e mondiale: allenatori delle Squadre Nazionali di Austria, Germania, Ucraina, Francia, Centro America, Giappone e, naturalmente, dell’Italia! Tra i Tecnici di maggior rilievo vi erano anche il M° Seiji Nishimura, il M° Silvio Campari (docente qui fin dalla prima edizione) e il M° Carlo Fugazza, ospite speciale per il “Jubilaen” della manifestazione e i festeggiamenti per i 40 anni di attività dell’Associazione Sportiva locale.
Ma non è tutto: il programma di allenamento, che si svolgeva dalle ore 9.00 del mattino alle 7.00 di sera, proponeva una scelta tra ben 5 corsi in contemporanea (suddivisi per grado e livello), che includevano anche lezioni di Kobudo, Taebo, Capoeira, Kyusho e QiGong, oltre a corsi speciali di Kumite, Kata e Kihon Bunkai, preparazione per agonisti e baby karate per i praticanti più piccoli.
Un trainingplan variegato, ma sempre interessante e impegnativo, che ha permesso di approfondire lo studio del Karate, di allargare orizzonti e conoscenze di altre discipline marziali, di praticare con karateka provenienti da tutta l’Europa e, ovviamente, di divertirsi! 

Allenatori delle Squadre Nazionali di Austria, Germania, Ucraina, Francia, Centro America, Giappone e, naturalmente, dell’Italia.

Sabato sera, nel teatro si è tenuta la 7ª Energie AG Cup: una gara di Kata e Kumite riservata a una selezione di atleti scelti dalla commissione durante lo svolgimento del Summercamp stesso, che quest’anno ha visto salire sul secondo posto del podio maschile l’appena diciottenne Vittorio Prin Clari e vincere per il terzo anno consecutivo nel femminile Carlotta Prete (la sottoscritta!), entrambi allievi del Maestro Campari.
Si sono poi susseguite le dimostrazioni di Karate svolte dai bambini del Club proveniente dalla Repubblica Ceca e di Kobudo. A chiudere lo Shownight, l’esibizione della Squadra nazionale di kata austriaca. Infine, il Sayonara Party: musica dal vivo, cucina tipica locale e… i fuochi d’artificio, che hanno illuminato a giorno l’intero SportZentrum.
Grazie alla collaborazione di ogni suo abitante e di tutti i membri del Dojo ospitante, questo paesino dall’aspetto mite è stato capace di trasformarsi negli anni in una (ordinata) babele delle arti marziali, rivelandosi un esempio concreto di come l’energia e la forza di volontà che il Karate ci insegna, siano fondamentali per imparare a confrontarsi, migliorarsi, condividere e crescere insieme!

Prost!

Ti potrebbe interessare anche:

Articoli recenti

I più letti

Top Autori